Tre israeliani sono stati uccisi questa mattina in un attacco condotto da un palestinese ad Har Hadar, in Cisgiordania. Lo rende noto la polizia israeliana, secondo cui l’assalitore è arrivato fino alle porte del piccolo villaggio assieme con un gruppo di manovali palestinesi. Poi ha aperto il fuoco sugli agenti della guardia di frontiera e su guardiani civili da distanza ravvicinata. Hamas da Gaza applaude per l’attacco e annuncia: “È un nuovo capitolo dell’’Intifada di Al-Quds (Gerusalemme)”. Lo ha detto Hazzam Qassam, portavoce della fazione, citato dai media. “Ogni tentativo di giudaizzare la città non cambia il fatto che Gerusalemme è arabo-musulmana: i suoi cittadini e la gioventù non risparmieranno alcun sforzo per redimerla con il loro spirito e sangue”, ha aggiunto.

Anche l’aggressore è stato ucciso dalla polizia israeliana: è un uomo 37enne di Beit Sourik con regolare permesso di lavoro in Israele. “Le unità di polizia hanno risposto a un attacco terroristico”, ha detto in un comunicato il portavoce della polizia, Miki Rosenfeld. Il villaggio di Har Hadar è un piccolo insediamento a ovest di Gerusalemme, situato sulla linea di demarcazione con la Cisgiordania.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Migranti, alle origini dell’esodo nel Mediterraneo: chi sono e da cosa scappano le migliaia di richiedenti asilo

next
Articolo Successivo

Giappone, per sciogliere le camere e ottenere un nuovo mandato Abe si gioca la carta coreana

next