“Ci sono due piani, uno processale e uno della mia coscienza. Sul piano processuale non ho mai commentato e continuerò a non commentare. Sul piano della mia coscienza, tornassi indietro mi autosospenderei di nuovo perché ho avuto bisogno di riflettere e di esaminare le cose. Per quello che ho capito e per le mie riflessioni, oggi sono molto tranquillo e sereno e voglio continuare a fare il mio lavoro da sindaco bene e anche a lungo”. Così il sindaco di Milano, Giuseppe Sala, in merito al suo coinvolgimento nell’inchiesta Expo.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Codice Antimafia, no a emendamenti ma il Pd avvisa: “Chiederemo di correggere equiparazione mafiosi-corrotti”

prev
Articolo Successivo

Roma, Virginia Raggi presenta il piano partecipate: “Da 31 a 11”. Giunta, via Colomban: Gennaro nuovo assessore

next