All’improvviso si è accasciata in uno strano dormiveglia. I genitori, preoccupati, l’hanno portata in ospedale e lì i medici hanno scoperto che la piccola, poco più di un anno, era stata intossicata dalla cannabis. Ora è ricoverata in prognosi riservata all’ospedale di Legnano (Milano) per aver ingerito lo stupefacente. Tutto è avvenuto nel pomeriggio di lunedì: la bambina era ai giardinetti a San Vittore Olona con il padre e la madre, residenti in provincia di Torino. Su dove la bambina abbia trovato l’hashish, sono in corso le indagini della Polizia coordinate dalla Procura di Varese,

I genitori hanno entrambi precedenti per spaccio: erano stati arrestati un anno fa circa nell’ambito di un’operazione antidroga in provincia di Veneziadurante la quale i carabinieri avevano scoperto un laboratorio clandestino per la produzione di droghe sintetiche destinate ai Rave Party. La coppia, la donna era allora in stato interessante, era stata trovata in un casolare abbandonato, in precarie condizioni igieniche. Entrambi sono anche tossicodipendenti.

Un caso apparentemente molto simile a quello di Legnano avvenne un anno fa a Bologna: nelle urine di una bimba di 10 mesi furono trovate tracce della medesima sostanza. Portata inizialmente in ospedale dai familiari, in stato catatonico, dopo qualche giorno in Rianimazione le sue condizioni migliorarono. Il padre aveva precedenti per droga, risultava essere un consumatore e la casa fu perquisita dai Carabinieri. Si fece l’ipotesi che la piccola avesse ingerito la droga, forse gattonando per casa. Furono avvisate sia la Procura per i Minorenni che quella ordinaria, che con il procuratore aggiunto Valter Giovannini aprì un fascicolo per lesioni colpose sfociato in una richiesta di archiviazione.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Roma, irruzione dei centri sociali durante il consiglio al Tiburtino III: tensioni con Casapound, un ferito

prev
Articolo Successivo

Chikungunya, 17 casi nel Lazio. Raggi sott’accusa per ritardi disinfestazione. Stop donazioni per 1,2 milioni di romani

next