Nel quartiere romano Infernetto, 35mila abitanti, serve un istituto superiore. Dalle scuole medie del quartiere ogni anno escono centinaia di studenti che non sanno dove andare. Per questo e ormai da anni, il liceo Democrito del vicino quartiere Casal Palocco, lì accoglie. Ma quest’anno ci sono oltre 180 alunni in più rispetto alla capienza massima della scuola e si pensa già ai turni pomeridiani, con tutte le conseguenze del caso (guarda il VIDEO). Nel 2011 la Provincia di Roma aveva approvato un progetto per la costruzione di una scuola nel quartiere ma poi non si è fatto più nulla. Nella disperazione, i genitori si sono dati da fare. E hanno trovato una soluzione alternativa per sopperire, almeno temporaneamente, all’emergenza. “Nella zona – spiega Mauro Bordoni del comitato di quartiere Infernetto – c’è una caserma della Guardia di Finanza semivuota perché due anni fa l’accademia è stata trasferita a Bergamo. Tra l’altro per questa caserma utilizzata a metà vengono pagati 7 milioni di euro annui ad un istituto di credito. Soldi pubblici a una banca privata. Purtroppo ci è negato usufruire di una parte dello stabile per l’attività didattica, anche se sarebbe perfetta visto che era un’accademia”. “La caserma è una delle ipotesi che abbiamo valutato – racconta Teresa Zotta, consigliere delegato edilizia scolastica di Città Metropolitana di Roma Capitale – ma purtroppo non è una strada percorribile”. Intanto gli alunni dell’Infernetto aumentano, il prossimo anno usciranno dalle terze medie del quartiere 400 ragazzi. Allo stato attuale la loro unica prospettiva rimane quella dei turni pomeridiani

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

“Troppi studenti, lezioni al pomeriggio”. Nella scuola più affollata di Roma, da 38 classi a 52. “Un quartiere senza licei”

prev
Articolo Successivo

Primo giorno di scuola, quel grembiule blu che ti cambia la vita

next