“Io credo che i miei genitori così come tutti i partigiani non si ritroverebbero al giorno d’oggi perché purtroppo i valori che hanno espresso, che poi erano valori di pace, fratellanza e solidarietà, non ci sono nella maggior parte del popolo italiano”. È la riflessione fatta da Tiziana Pesce, figlia di Giovanni e Onorina Brambilla entrambi partigiani combattenti durante la lotta di liberazione dal nazifascismo. Venerdì 8 settembre il sindaco di Milano Giuseppe Sala ha inaugurato una piazza dedicata a Giovanni Pesce, scomparso dieci anni fa. Nome di battaglia comandante Visione, a soli 18 anni si arruolò nelle Brigate Internazionali durante la Guerra civile spagnola del ’36. Tornato in Italia, dopo essere stato mandato al confino a Ventotene, combatté la Resistenza nei Gap. Dopo la liberazione fu insignito della Medaglia d’Oro al Valor Militare e passò tutta la vita a tramandare i valori della Resistenza alle nuove generazioni. All’inaugurazione della piazza centinaia di persone ma pochi giovani. “Io non so se mi riconosco nell’Italia di oggi – dice con le lacrime agli occhi un ex partigiano degli Alpini – bisogna vedere se l’Italia di oggi si riconosce in sé stessa”. Secondo molti cittadini venuti a omaggiare Pesce l’atteggiamento dell’opinione pubblica sui grandi problemi dell’attualità dimostrano che i valori della Resistenza non sono arrivati fino a noi: “Uno che a 18 anni è andato a combattere in Spagna per un popolo che non era il suo ma per i valori di solidarietà – afferma una ragazza – credo che oggi qua in Italia davanti al disinteresse per la situazione dei migranti gli si accapponerebbe la pelle”. “Mio padre sicuramente non sarebbe contento della situazione attuale – conclude la figlia Tiziana – ma credo anche che sia lui che mia madre fossero degli ottimisti, l’ottimismo della volontà di Gramsci. E quindi andavano avanti per la loro strada senza mai perdere la speranza”. di Franz Baraggino e Alessandro Sarcinelli

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Migranti, mi vergogno di essere italiano

prev
Articolo Successivo

Intercettazioni, la retromarcia tattica di Orlando: cede sui virgolettati, tace sulla norma che ammazza l’inchiesta Consip

next