Era tra le ong che aveva sottoscritto il codice di condotta, ma da oggi sospende le sue operazioni nel Mediterraneo perché “non è chiaro cosa succede in Libia ai danni delle persone più vulnerabili i cui diritti andrebbero salvaguardati in ottemperanza al diritto internazionale e per difendere il principio di umanità”. Moas, attiva tra la Libia e l’Italia dal 30 agosto 2014, ha deciso di fermarsi.

Non soccorrerà più le imbarcazioni che trasportano migranti da Tripoli a Lampedusa perché, spiega l’organizzazione non governativa sul proprio sito, “non vuole diventare parte di un meccanismo in cui, mentre si fa assistenza e soccorso in mare, non ci sia la garanzia di accoglienza in porti e luoghi sicuri”. Un riferimento chiaro agli accordi che stanno portando i migranti a fermarsi in Libia, dove diverse fonti, tra cui un lungo reportage di Reuters, continuano a parlare di brigate composte da civili e membri dell’esercito impedisce le partenze dei migranti verso l’Europa.

Lo stesso problema posto dall’editorialista del Fatto Quotidiano, Furio Colombo, nel corso dell’incontro alla Versiliana con il ministro dell’Interno Marco Minniti: “I migranti non ci sono più: sono in Libia. Quando si dice che abbiamo parlato con i sindaci, intendiamo dei capi tribù che hanno delle attese dopo le promesse – spiegava domenica alla festa del Fatto – Con questo approccio si vinceranno le elezioni, ma loro sono la seconda Shoah“.

L’accordo di fine luglio firmato con l’Italia per la presenza di uomini armati a bordo delle navi operative nel Mediterraneo era stato sottoscritto, ricorda Moas, “come atto di fiducia verso il Governo”. Una fiducia evidentemente venuta meno negli ultimi quaranta giorni. “In questo contesto, e nel rispetto dei nostri principi fondativi, Moas ritiene di voler sospendere le operazioni di ricerca e soccorso”, scrive la ong fondata da due italo-americani.

Dopo aver assistito quasi 8.000 persone, Moas sposterà ora le sue operazioni nel Sud-est asiatico, in particolare nell’assistenza dei profughi Rohingya in Myanmar lavorando “alla creazione di una sistema organico di trasparenza, sostegno e responsabilità nella regione, dove è in corso un esodo mortale alla frontiera” con il Bangladesh. “Nel frattempo continuerà a tenere sotto osservazione le rotte migratorie nel Mediterraneo, pronta a rispondere a quei cambiamenti che consentano di operare secondo i propri principi – conclude la ong – Fin dalla sua fondazione, Moas ha riconosciuto che l’opera di ricerca e salvataggio non è la soluzione alla crisi migratoria in corso, e continuerà pertanto a supportare l’apertura di canali umanitari sicuri per consentire ai gruppi più vulnerabili di mettersi al sicuro”.

 

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Migranti, nessun corridoio umanitario previsto da piano Ue. Unhcr: “Chiesti solo 40mila posti in più”

next
Articolo Successivo

Corea del Nord, Usa: “Kim prega per la guerra” e Seul: “Pyongayang pronta a nuovo test nucleare”

next