Wayne Rooney è stato arrestato ieri notte con l’accusa di guida in stato di ebbrezza. La stampa britannica rivela che l’attaccante, recentemente passato all’Everton dopo 13 anni consecutivi al Manchester United, è stato fermato da una pattuglia della polizia inglese nei dintorni della sua casa nel Cheshire dopo una serata in compagnia di alcuni amici. Secondo i tabloid, Rooney – che da poco ha annunciato il suo addio alla nazionale inglese – ha trascorso la serata in un bar in Alderley Edge.

Non si tratta del primo episodio legato all’alcol che coinvolge Rooney. Già in passato era stato trovato ubriaco, come lo scorso novembre quando passò un’intera nottata a un party organizzato nello stesso hotel in cui era in ritiro la Nazionale dei tre leoni. Giovedì 14 settembre l’Everton del bomber 31enne sarà avversario in Europa League dell’Atalanta.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Torre del Greco, disabile 15enne in casa nuda tra i rifiuti: “Non c’era neppure il bagno”

next
Articolo Successivo

Papa Francesco: “Ho consultato una psicanalista ebrea per sei mesi”. La rivelazione in un libro

next