A margine della conferenza stampa a sostegno dei rifugiati eritrei sgomberati giovedì da piazza Indipendenza a Roma, l’attrice gibutiana naturalizzata italiana Tezeta Abraham ha parlato ai cronisti: “Non ci stupiamo più di nulla, se i migranti muoiono in mare è normale… Perché bisogna creare questa lotta tra poveri? Dov’è lo Stato? Voglio che lo Stato ci sia. Il problema dei morti in mare è riconducibile alla legge Bossi-Fini, questo va detto”. Poi attacca la sindaca di Roma Virginia Raggi: “Una presenza della sindaca ieri? Ieri era ad Amatrice, è troppo comodo quando poi non sai niente di quello che intanto accade dentro al raccordo. Quanto deve durare ancora, quattro anni? Sta qui solo da un anno, cosa dobbiamo aspettarci?”

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Terrorismo, drone sospetto atterrato in zona Vaticano fa scattare i controlli. Ma è falso allarme

prev
Articolo Successivo

Pistoia, don Massimo: “Con Forza Nuova niente messa. Ma temo legami tra loro e una certa Chiesa. Migranti? Ora al mare”

next