Il doping si estende perfino al tiro alla fune. Un atleta tesserato della Figest, la Federazione Giochi e Sport Tradizionali, è stato sospeso in via cautelare dal tribunale antidoping dopo un controllo a Flumignano di Talmassons, in provincia di Udine del mese scorso, alla fine della prova del campionato italiano (categoria 680 chili a otto tiratori). Nel sangue dell’atleta, Luca Bernardi, sono stati trovati prednisone – un cortisteroide – e prednisolone – un antinfiammatorio – sostanze ritenute entrambi dopanti.

Sospesi in via cautelare anche Alfredo Amato, positivo alla sostanza betametasone alla fine del tentativo di record motonautico Napoli-Capri del 4 agosto, e Andrea Cosoli, positivo alla sostanza clostebol alla fine dei campionati italiani estivi di tuffi di Cosenza del 30 luglio.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Ciclismo, Vuelta: Trentin vince la quarta tappa. Doppietta italiana dopo la vittoria di Nibali ad Andorra La Vella

prev
Articolo Successivo

Floyd Mayweather contro Conor McGregor, il match di boxe dell’anno lo vince l’americano per ko tecnico

next