La nuova astronomia diventa realtà dopo la scoperta delle onde gravitazionali: permetterà di esplorare alcuni dei fenomeni più misteriosi dell’universo, come i buchi neri. Lo indica l’analisi dei segnali registrati nel 2015 e nel 2017 che ha rivelato i segreti dei buchi più distanti, esterni alla Via Lattea. Pubblicata su Nature, l’analisi si deve al gruppo coordinato dall’italiano Alberto Vecchio, dell’università britannica di Birmingham, e da Ben Farr, dell’università americana di Chicago.

Per Vecchio l’astronomia gravitazionale è già reale: lo è diventata “il 14 settembre del 2015 con la prima osservazione delle onde gravitazionali” ossia le ‘vibrazioni’ dello spazio tempo originate da fenomeni violenti, come collisioni di buchi neri e supernovae, fino al Big Bang. “Questo lavoro è un esempio delle nuove informazioni che possiamo trarre sull’universo”, ha detto all’Ansa il fisico italiano. “La disciplina è importante – ha aggiunto – perché ci permette di osservare fenomeni nell’universo che non possiamo vedere in nessun altro modo”. Per esempio “i buchi neri sono oggetti fatti di pura gravità, e le onde gravitazionali sono il linguaggio della gravità: l’unico modo in cui questi oggetti comunicano direttamente con noi”.

I ricercatori hanno analizzato i segnali delle onde gravitazionali prodotti durante quattro eventi di collisione fra coppie di buchi neri e rivelati nel 2015 e nel 2017 dall’osservatorio americano Ligo che “ci ha dato delle informazioni sulle proprietà di ogni sistema di buchi neri” e ora, ha spiegato Vecchio, “possiamo metterle insieme per capire cosa ha originato la popolazione di questi oggetti cosmici”.

I dati, ha aggiunto il fisico, sembrano confermare lo scenario secondo cui i buchi neri dei sistemi binari “si formino in abbondanza” dal collasso di stelle che si trovano in un ambiente molto ricco di astri, e che, “data l’alta densità di questi corpi, due buchi neri si possano trovare sufficientemente vicini per ‘catturarsi’ e dar vita ad un sistema binario”. Secondo un’altra teoria invece i buchi neri nei sistemi binari si formerebbero già in coppia: ossia nascerebbero dal collasso di due stelle molto massive che orbitano in un sistema binario. Tuttavia, per confermare l’ipotesi e riuscire a comprendere definitivamente l’origine dei buchi neri i ricercatori attendono altri dati sulle onde gravitazionali e stimano che l’analisi di altri dieci eventi potrebbe sciogliere ogni dubbio.

Lo studio pubblicato da Nature

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Terremoto Ischia, Ingv: “È di origine vulcanica: come una fucilata. Sull’isola un terreno che amplifica le onde sismiche”

next
Articolo Successivo

Seu, cos’è la sindrome uremico-emolitica e come si manifesta

next