Dopo quelle dei membri del forum economico della Casa Bianca, arrivano altre dimissioni in polemica contro Donald Trump e la sua tardiva (e poi ritrattata) condanna dei suprematisti bianchi responsabili delle violenze di Charlottesville. Stavolta a lasciare è Daniel Kammen, dal 2016 inviato speciale del dipartimento di stato per la scienza. Che, con la propria lettera di addio pubblicata su Twitter, lancia un messaggio in codice: le prime cinque lettere di ogni paragrafo formano l’acrostico ‘Impeach’, la procedura per destituire i presidenti Usa.

Nella missiva, il docente di Berkeley accusa il presidente di aver “nuociuto alla qualità della vita in Usa, alla nostra reputazione all’estero e al futuro del pianeta”. ”Ma la decisione di dimettermi – aggiunge – è una risposta ai vostri attacchi contro i valori fondamentali degli Usa”. E ancora: “La vostra incapacità di condannare i suprematisti bianchi e i neo nazisti ha delle implicazioni a livello nazionale e internazionale”.

L’addio arriva nel giorno in cui l’inquilino della Casa Bianca, parlando dalla convention dell’American Legion a Reno, ha usato toni ecumenici per lui decisamente rari. “E’ tempo di lenire le ferite che ci dividono”, ha detto. “Non siamo definiti dal colore della nostra pelle o dal nostro stipendio“, ha aggiunto. E ancora: “Siamo un popolo, con una casa e una bandiera”. Solo qualche ora prima a Phoenix aveva tenuto un comizio pieno di proclami, minacce ed attacchi, riesumando i cavalli di battaglia della campagna elettorale.

Il Fatto Internazionale - Le notizie internazionali dalle principali capitali e il dossier di Mediapart

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

TRUMP POWER

di Furio Colombo 12€ Acquista
Articolo Precedente

Egitto, Usa bloccano gli aiuti militari. Il Cairo cancella l’incontro con Kushner. Ma poi il genero di Trump incontra il ministro

next
Articolo Successivo

Olanda, annullato il concerto degli Allah-Las a Rotterdam: “Minaccia terroristica”

next