Il nuotatore spagnolo Fernando Alvarez aveva chiesto agli organizzatori dei Campionati mondiali master di nuoto, a Budapest, di osservare un minuto di silenzio in ricordo delle vittime di Barcellona. Ma il comitato gliel’aveva rifiutato. Così al momento della gara l’atleta ha deciso di protestare, in maniera pacifica e silenziosa, con un gesto simbolico: ai blocchi di partenza, mentre tutti si tuffavano, lui è rimasto immobile. La scena ha fatto il giro del mondo.

 

Il Fatto di Domani - Ogni sera il punto della giornata con le notizie più importanti pubblicate sul Fatto.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Neymar, 220 milioni per comprarlo vi sembrano troppi? Guardate come incanta Parigi

next
Articolo Successivo

Vuelta di Spagna 2017 arriva in Catalogna, nonostante il terrore

next