Il nuotatore spagnolo Fernando Alvarez aveva chiesto agli organizzatori dei Campionati mondiali master di nuoto, a Budapest, di osservare un minuto di silenzio in ricordo delle vittime di Barcellona. Ma il comitato gliel’aveva rifiutato. Così al momento della gara l’atleta ha deciso di protestare, in maniera pacifica e silenziosa, con un gesto simbolico: ai blocchi di partenza, mentre tutti si tuffavano, lui è rimasto immobile. La scena ha fatto il giro del mondo.

 

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Neymar, 220 milioni per comprarlo vi sembrano troppi? Guardate come incanta Parigi

prev
Articolo Successivo

Vuelta di Spagna 2017 arriva in Catalogna, nonostante il terrore

next