Una vita assai diversa da quella a cui siamo abituati. A Bordo, piccolo borgo arroccato sulla montagna, in Valle Atrona, una ventina di chilometri da Domodossola, 35 anni fa si è insediata una comunità buddista. Una vita fatta di meditazione per buona parte della giornata, lavoro nei campi e in cucina, aiuto reciproco.Le prime famiglie si insediarono all’inizio degli anni ’80, così nacque il ritiro e il borgo cominciò a rinascere dopo essere stato abbandonato per anni. Un tempo c’erano un asilo per bambini e una scuola.

Oggi è più difficile vivere a Bordo tutto l’anno. “C’è poco lavoro in valle – racconta Tengye, la guida spirituale, francese – e non è più possibile, come accadeva in passato, lavorare due mesi è poi passare il resto dell’anno qui”. I membri della comunità – italiani, inglesi, spagnoli, svizzeri, sudamericani, giapponesi, nordeuropei – che negli anni si sono avvicendati per tempi più o meno lunghi, si mantengono con il lavoro comune. Chi cura gli orti, chi taglia la legna per l’inverno.

Tuttavia pochi rimangono qui l’intero anno. Felice, uno dei fondatori della comunità, è uno di questi. Molti invece vi trascorrono la primavera e l’estate. I viveri, essendo possibile raggiungere Bordo solo tramite un’antica mulattiera, vengono portati per mezzo di una teleferica. “Ci sono persone – afferma Tengye – che decidono di vivere isolate senza elettricità, né benzina. Con pochi soldi, quelli dei turisti che lasciano offerte e dei volontari che aiutano a mandare avanti il borgo. Vogliono sperimentare una vita semplice, spirituale, di riflessione e pace a contatto con la natura”.

E dove il cibo è rappresentato dal raccolto quotidiano (frutta, verdura, legumi soprattutto). Le prospettive della comunità? Tengye è realista: “Dipende da quanto rimarrà forte l’interesse delle persone, volontari in modo speciale, a contribuire a mantenere in vita questo luogo”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Migranti, Alto commissariato Onu: “Codice ong riduce la capacità di salvare vite. Rischio violazione diritti umani”

next
Articolo Successivo

Pedofilia, Papa Francesco chiede scusa alle vittime di abusi sessuali: “Un’assoluta mostruosità”

next