E’ evaso dal carcere minorile di Quartucciu, a Cagliari, dove era rinchiuso dopo la condanna a 20 anni per due omicidi. Ma la fuga di Paolo Enrico Pinna, 19 anni, è durata soltanto qualche ora. I carabinieri l’hanno fermato tre ore dopo la fuga, intorno alle 18.30, a Maracalagonis, ad una ventina di chilometri dal capoluogo sardo, a bordo di un trattore che aveva rubato poco prima. Pinna è stato condannato a 20 anni di reclusione per gli omicidi di Gianluca Monni (18 anni) ucciso l’8 maggio del 2015 a Orune mentre aspettava il pullman per andare a scuola con alcune fucilate a pallettoni, e di Stefano Masala, 29 anni di Nule, scomparso la sera precedente, a cui venne rubata l’auto per far ricadere su di lui le colpe dell’omicidio di Monni.

Il detenuto, che sembra non avesse premeditato la fuga, aveva intenzione di raggiungere la Barbagia. Era rinchiuso nel carcere minorile di Quartucciu perché all’epoca dell’omicidio, era il 2015, era minorenne (17 anni). Al momento non si conoscono i dettagli dell’evasione, ma polizia e carabinieri stanno verificando la dinamica, e l’eventuale responsabilità di complici interni o esterni alla struttura. Sembra che durante l’evasione sia stata utilizzata anche una scala.

Da quanto si apprende in base a una prima ricostruzione il detenuto, che ora dovrà rispondere anche dei reati connessi all’evasione, era lavorante dentro la stessa struttura carceraria e collaborava con una ditta che stava eseguendo dei lavori di ristrutturazione all’interno dell’istituto. Per fuggire il giovane avrebbe usato una scala che era fra gli attrezzi utilizzati per i lavori in corso e che probabilmente aveva nascosto durante la pausa pranzo. Nel carcere minorile di Quartuccio ci sono al momento 15 detenuti, un minorenne e 14 “giovani adulti”, cioè fino ai 25 anni. Quella di Pinna è solo l’ultima evasione di questa estate. Dopo la fuga d’amore di Johnny lo Zingaro, negli ultimi giorni quattro carcerati hanno fatto perdere le proprie tracce approfittando di permessi premio in diversi centri e istituti d’Italia.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Migranti. Indagato Mussie Zerai, prete candidato al Nobel che segnala i barconi in difficoltà

next
Articolo Successivo

Stadio Roma, dal ministero parere negativo al nuovo progetto: “Criticità nella viabilità”. Accuse incrociate Pd-M5s

next