Sfogo-show dell’ex direttore del Tg4, Emilio Fede, a Ecg Regione (Radio Cusano Campus) sulla nota e fervida fede cattolica del suo ex storico collaboratore, Paolo Brosio, e del suo ex amico, Lele Mora. “Non lo so, sarò diventato miope o strabico”- esordisce – “Paolo Brosio vede la Madonna, Lele Mora vede la Madonna e Padre Pio, io l’unica apparizione che ho avuto è stata Ruby, che mi ha rovinato la vita. E non era neanche bella, lo è diventata dopo grazie ai soldi. Alle apparizioni non ci credo. Basta cazzate, basta prendere in giro la gente“. E aggiunge: “Io comunque vivo la mia vita, leggo ogni mattina i necrologi e solo quando vedo che non sono citato, mi preparo e vado a farmi la barba. Riguardo a Ruby, peraltro, si è stabilito penalmente che non la portai io, ma quello che oggi ha le visioni di Padre Pio e della Madonna. Ora, che Brosio veda ogni tanto la Madonna sono affari suoi. Una volta” – racconta – “venne da me a chiedermi di presentare il suo libro. E gli dissi: ‘Ti prego, Paolo. No. Ti voglio bene, ma lasciami perdere’. Lui mi rispose che era una storia bellissima su una donna che aveva perduto la gamba e che aveva incontrato a Medjugorje. Gli replicai: ‘Sai dove devi andare?’. Non lo posso dire”. Fede torna a bomba su Lele Mora, improvvisando un monologo dalla voce camuffata: “Adesso uno si sveglia e vede i Santi. Allora io domani mi sveglio, incontro un signore per strada e dico di aver visto San Pietro, poi ci faccio una conferenza stampa. Ma Lele, fai il bravo, sei stato un bravo imprenditore, ti voglio bene, ma finisci bene la tua vita e la tua carriera. Ma ti pare che vai da Don Mazzi e diventi santo? Poi Mora può raccontare quello che cazzo gli pare, ci mancherebbe altro. La prossima volta, allora, vi dirò che ho visto san Piripippo, porca la puttana miseria. Basta cazzate”

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Vitalizi, scontro Boldrini-5 Stelle sul bilancio della Camera. Di Battista espulso. Il M5s abbandona l’Aula: “No privilegi”

prev
Articolo Successivo

Sgarbi: “Raggi? Ha un corpo intrigante, ma è un caso umano. Renzi? Un altro caso umano”

next