Medici senza frontiere non firma il codice di condotta del Viminale per le Ong. Stessa scelta per la tedesca Jugend Rettet. Dicono sì, invece, Save The Children Italia e Moas“Gran parte dei punti del codice di condotta indicano cose che già facciamo e ci sono stati chiarimenti su un paio di punti che ci preoccupavano, quindi non abbiamo avuto problemi a firmare”, spiega da Save The Children Italia Valerio Neri. “Siamo convinti di aver fatto la cosa corretta e mi dispiace che altre ong che stimo non ci abbiano seguito”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Migranti, Medici senza frontiere non firma il Codice di condotta Ong: “Non vogliamo armi e militari a bordo”

next
Articolo Successivo

Codice ong, perché Medici senza frontiere ha ragione e Minniti no

next