Ferito gravemente al torace da tre coltellate. È quanto accaduto a Monteriggioni, in provincia di Siena, dove l’autista di un pullman di linea è stato aggredito da un ivoriano di 19 anni dopo una lite a bordo del mezzo pubblico. L’aggressore è stato fermato dai carabinieri che per bloccarlo gli hanno sparato un colpo di pistola a una gamba. Chiamati da alcuni passanti, i militari sono stati a loro volta aggrediti dal migrante, che prima avrebbe lanciato contro una damigiana di vetro e poi li avrebbe attaccati con la lama. Grave l’autista del pullman: è in prognosi riservata.

L’autore dell’aggressione non risulta essere un islamico ‘radicalizzato’, ma un migrante con difficoltà legate all’alcol e già noto ai gestori dei programmi di accoglienza e alle forze dell’ordine per le sue intemperanze. Proprio a causa di queste situazioni pregresse, le autorità gli hanno revocato lo status di richiedente asilo e l’uomo è in attesa di espulsione dall’Italia. Nel mesi scorsi la Caritas lo aveva allontanato dalla casa dove era ospitato anche per le segnalazioni di altri migranti, allarmati dai suoi atteggiamenti aggressivi. Sarebbe la stessa struttura, vicina al capolinea, dove oggi si è procurato il coltello per aggredire l’autista.

Appena il 18 luglio scorso, alla stazione di Poggibonsi (Siena), il 19enne era stato arrestato dalla polizia ferroviaria per aver tirato un pugno a un controllore che gli chiedeva il biglietto causandogli un trauma commotivo. Oggi i carabinieri, perquisendolo, gli hanno trovato in tasca un’altra multa per non aver pagato il biglietto dell’autobus: la sanzione è di ieri e rende plausibile, allo stato attuale delle indagini, che il motivo della discussione con il conducente accoltellato oggi sia simile.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Mostro di Firenze, c’è un nuovo indagato: “Un medico tra i mandanti degli omicidi”

prev
Articolo Successivo

Ucciso, fatto a pezzi, sciolto nell’acido e murato in un garage: la scomparsa di Vincenzo Ruggiero non è più un mistero

next