“Falcomatà svolta a casa”. E ancora: “A chi hai promesso i lavori pubblici”. Sono solo alcuni degli striscioni contro il sindaco di Reggio Calabria esposti stamattina durante un sit-in di protesta davanti al Comune. Qui un centinaio di persone si è riunito per esprimere solidarietà all’ex assessore alla Legalità e ai Lavori pubblici Angela Marcianò defenestrata pochi giorni dal sindaco Giuseppe Falcomatà. La vicenda ha creato non poche polemiche nella città dello Stretto anche perché la decisione è stata assunta da un primo cittadino del Partito democratico che ha allontanato dalla sua giunta una componente della segreteria nazionale del Pd. Secondo i cittadini, la Marcianò è stata cacciata “perché ha dato fastidio alle lobby”. “Non ha rappresentato – dicono – un soldatino di piombo su cui la giunta poteva contare”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Renzi: “Chi va a Palazzo Chigi lo decidono i voti degli italiani”. Poi attacca Gianroberto Casaleggio

prev
Articolo Successivo

Atac, dopo le dimissioni di Rota partono le querele. Stefàno contro l’ex Dg. Raggi contro Renzi

next