Vitalizi? Fateci caso: esiste un parlamentare del M5S che prende il vitalizio? No, quindi il M5S è l’unica forza davvero capace di abolirlo, proprio perché non siamo in conflitto d’interessi”. Sono le parole del deputato M5S, Alessandro Di Battista, ospite di In Onda Estate, su La7. E a David Parenzo, che gli ricorda l’esistenza di politici che hanno onorato il loro mandato e che quindi meritano il vitalizio, il parlamentare risponde: “Guardi che non hanno lavorato gratis. Molti politici hanno lavorato per diverse legislature, percependo 12mila euro al mese o 20 milioni delle vecchie lire. Molti davano una quota al proprio partito, ma era una loro scelta. I partiti, oltre a beccarsi il finanziamento pubblico, che di fatto non è mai stato abolito perché sostituito dai rimborsi elettorali, si prendevano tanti denari dai parlamentari. Io non mi sento un privilegiato” – continua – “Io ho guadagnato di meno rispetto a quello che ho restituito come parlamentare. In 4 anni di legislatura ho restituito oltre 200mila euro. E, vi dico la verità, a me quei soldi farebbero comodo. Però ho fatto la campagna elettorale dicendo che ci saremmo tagliato lo stipendio e avremmo rendicontato tutte le spese”. E precisa: “Guardate che in questi 4 anni non mi sono fatto mancare nulla, tutto quello che dovevo spendere l’ho speso. Eppure sono riuscito a restituire più di 200mila euro. Mi sento molto fiero di camminare tra la gente, sapendo di aver rispettato un patto.”. A Luca Telese che gli ricorda la motivazione originaria del vitalizio, Di Battista risponde: “Dobbiamo veder il vitalizio oggi. Secondo voi, oggi avrà più possibilità di trovare un lavoro un ex parlamentare o un operaio dell’Ilva? E’ vero che ho fatto delle battaglie scomode in questi anni, ma mica mi ha costretto il medico a candidarmi. E’ stata una mia libera scelta candidarmi col M5S, ben sapendo che c’erano delle regole”

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Vitalizi, Di Battista: “Una vergogna. Ci sono 2600 ex parlamentari con questo privilegio. Ci costano 215 milioni all’anno”

next
Articolo Successivo

Pd, nuova gaffe di Malpezzi: “I nostri padri costituzionali”. Barbacetto: “Si dice ‘padri costituenti’. Impari a parlare”

next