Era entrato grazie a una wild card, se ne è andato con la vittoria di tappa. Alessandro De Rose è il primo italiano a vincere nel tour mondiale Red Bull Cliff Diving, nel quale si sfidano i tuffatori estremi. Il ragazzo calabrese si è laureato campione a Polignano a Mare, in provincia di Bari, dove ha trionfato al termine di due giorni di piroette estreme da 27 metri. Una storia toccante quella di De Rose, classe ’92. Da piccolo aveva problemi di scoliosi, perse il padre a 14 anni e non aveva i soldi per andare in piscina. Smise, quindi, di fare nuoto. La passione però continuava a bruciare e a 18 anni arriva la grande occasione: inizia a partecipare agli show acrobatici a Torvajanica. Da lì, a Londra, dove diventa anche istruttore. Una crescita infinita, fino ai 27 metri di gloria in Puglia, tra gli applausi di 50mila tifosi. Lo aveva detto prima della gara: “Volerò insieme a tutti loro”. È accaduto davvero

Sostieni ilfattoquotidiano.it: se credi nelle nostre battaglie, combatti con noi!

Sostenere ilfattoquotidiano.it vuol dire due cose: permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, gratuito per tutti. Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte per portare avanti insieme le battaglie in cui crediamo con idee, testimonianze e partecipazione. Il tuo contributo è fondamentale. Sostieni ora

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Leonardo Bonucci fa i miracoli dentro casa: calcio d’angolo e gol impossibile a bordo piscina

next
Articolo Successivo

As Roma, 90 anni fa la fondazione: un’operazione fascistissima

next