Negli ultimi 15 giorni l’autore della pagina Facebook ‘Le più belle frasi di Osho’ ha avuto limitazioni alla possibilità di pubblicare contenuti. La motivazione ufficiale è la violazione del copyright. “Ho preso le foto, come tante altre persone, dalla rete – spiega Federico Palmaroli, ideatore e autore della pagina – ma solo io ho subito una segnalazione dai seguaci dell’Osho autentico. Ora non posso più pubblicare le foto”. Palmaroli ha avuto l’idea di creare questa pagina per ‘umanizzare’ Osho, il maestro spirituale indiano, renderlo come il nostro vicino di casa, puntando su uno dei capisaldi del suo pensiero: l’umorismo, l’autoironia. “Evidentemente questo insegnamento è un po’ sfuggito ai suoi seguaci”.

In attesa del ritorno di Osho per il momento dobbiamo accontentarci del premier Gentiloni, Renzi, Papa Francesco e altri “special guest” che portano avanti il suo ‘pensiero’, strappando risate e anche qualche riflessione sulle vicende quotidiane. 

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Maria Elena Boschi, la foto con Pisapia vi stupisce? Non avete visto le altre

prev
Articolo Successivo

Turchia, salviamo i giornalisti anti-Erdogan. Rischiano l’ergastolo

next