“A Roma la mafia non esiste. Anche a Palermo non esisteva. E’ ora di rivedere un reato applicabile solo a gruppi capeggiati da meridionali“. E’ il sarcastico tweet pubblicato dallo scrittore Roberto Saviano nel giorno della sentenza relativa al processo di Mafia Capitale, in cui i giudici della X sezione penale di Roma hanno fatto cadere per tutti gli imputati sia l’associazione mafiosa, sia l’aggravante. Ospite di In Onda Estate (La7), il difensore di Massimo Carminati, Giosuè Bruno Naso, commenta: “Che la mafia sia una esperienza criminale tipica delle regioni meridionali è un dato di fatto. La storia ci insegna che la mafia è nata in Sicilia, in Calabria e nelle Puglie“. Esplode la polemica, quando uno dei conduttori, David Parenzo, citando il saggio-inchiesta di Gianluigi Nuzzi, e di Claudio Antonelli “Metastasi“, ricorda all’avvocato le diramazioni della mafia al nord. A rincarare il monito, è Luca Telese: “Non ci racconti favole”. E Naso replica, stizzito: “Ah, perché la mafia è nata in Veneto? E’ nata in Toscana? In realtà, negli anni ’60-’70 è stata deleteria la scelta della polizia giudiziaria, quella del confino di polizia dei meridionali nelle regioni del nord. Lo diceva anche Bossi“. Poi si lamenta coi conduttori, che lo incalzano: “Però non mi fate finire mezza parola, perché non vi garba quello che dico. Quella scelta della polizia giudiziaria, mettendo il domicilio coatto dei mafiosi del sud, ad esempio, a Busto Arsizio, ha consentito che costoro trasmigrassero anche la criminalità nelle regioni del nord. Quindi, oggi c’è anche la mafia nelle regioni del nord per scelte sbagliate di politica criminale“. Poi chiosa: “In questo Paese più che le organizzazioni mafiose esiste la cultura mafiosa: la raccomandazione, il familismo, il corporativismo”

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Via D’Amelio, ora le famiglie delle vittime non sono più sole

next
Articolo Successivo

‘Ndrangheta, la scalata dei “Teganini”: i rampolli del clan senza guida rischiano di far scoppiare la guerra a Reggio Calabria

next