Una rivoluzione? Per capirlo serviva un “test”. E un lancio da un aereo in volo con registrazione video attivata, per non perdere nulla. Il “crash test” però è totalmente accidentale ed è avvenuto nelle campagne di Scalenghe, un comune in provincia di Torino. Ma il risultato andava documentato, perché ha dimostrato l’estrema solidità e resistenza dell’iPhone 6. Nel filmato, pubblicato su Youtube da Stefano Bardelli, viene immortalata la caduta del melafonino da un aereo da turismo. Un lungo volo di 400 metri, documentato per intero dalla fotocamera accesa del dispositivo. Barelli ha poi ritrovato il telefono, praticamente intatto e con il vetro ancora integro, poche ore più tardi in mezzo ad un campo di mais grazie alla funzione di localizzazione “Find my iPhone”

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Ubriaco in volo, l’aereo costretto all’atterraggio: il compagno di viaggio che nessuno vorrebbe avere

prev
Articolo Successivo

Chiara Ferragni: craniata sulla porta. La fashion blogger entra nel suo negozio di Milano e ci mette la faccia

next