“La senatrice Fucksia vota per lei e per il senatore Quagliariello. Vergogna!”. Così il senatore M5s Vito Petrocelli su Twitter, dove pubblica un video che sembra “incastrare” la senatrice, ex M5s ed ora vicepresidente del Gruppo Federazione della Libertà (Idea-Popolo e Libertà, PLI), mentre pigia due pulsanti per votare. Poco dopo la pubblicazione del video, il senatore Quaglierello ha inviato una nota in redazione, con alcune precisazioni. “Per amore di verità oltre che per un fatto di gentilhommerie devo precisare che sono stato io, trovandomi in Aula a pochi metri di distanza, a chiedere alla collega Serenella Fucksia, mia vicina di banco in Senato, di votare per me in una occasione”. “Come tutti i presenti in Aula potranno confermare – ha scritto – mi ero allontanato dalla mia postazione per raggiungere il banco della Presidenza e discutere una questione inerente l’organizzazione dei lavori. Quando è stata indetta la votazione in questione, per non troncare sgarbatamente la discussione ho chiesto una cortesia alla collega. Se qualcuno ha sbagliato quel qualcuno sono dunque io. Credo sia un errore veniale, dal momento che non ero assente ma mi trovavo a pochi metri di distanza per questioni d’Aula, ma pur sempre di un errore si tratta”. Ma nel filmato si vede anche un altro senatore, Ulisse Di Giacomo, sempre del gruppo Idea-Popolo e Libertà, PLI, allungare il braccio, probabilmente per votare al posto del suo compagno di banco Giovanni Bilardi.

Oggi in Edicola - Ricevi ogni mattina alle 7.00 le notizie e gli approfondimenti del giorno. Solo per gli abbonati.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Vaccini, Senato approva decreto: sanzioni abbassate, monodose, niente farmacie, obbligatori da 12 a 10. Ecco cosa cambia

next
Articolo Successivo

Incendi, azzerati i fondi della prevenzione Da 10 milioni l’anno a zero in 15 anni Galletti riferisce per 40′ e non ne parla

next