Nel filmato, le acrobazie del 26enne brasiliano Vinicios Sardi, diventato una star in tutto il paese grazie alla sua bravura con lo skate, nonostante sia nato senza gambe. Prima di iniziare a fare skateboarding, Vinicios si vergognava di uscire di casa. Poi, un giorno, gli è venuta l’ispirazione guardando il video di uno skater nella sua stessa condizione. Oggi è un campione della sua categoria. Foto e video dalla pagina facebook di Vinicios Sardi

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Trattenete il fiato, è la piscina più profonda del mondo. Tocchiamo il fondo della Y40 di Padova con il recordman Néry

prev
Articolo Successivo

Milan, buona la prima? Sì, per il Borussia. Rossoneri protagonisti del mercato sconfitti 3 a 1

next