L’Austria alza di nuovo la voce. Se l’Italia dovesse concedere permessi umanitari ai richiedenti asilo presenti sul suo territorio, proposta avanzata dai Radicali e dal senatore Pd Luigi Manconi, “proteggeremmo la frontiera del Brennero. Di certo non permetteremmo che la gente possa liberamente andare a nord”, ha detto il ministro degli Esteri austriaco Sebastian Kurz al termine del Consiglio dei rappresentati diplomatici dell’Unione europea. L’ipotesi “sarebbe assurda perché se le gente potesse passare, sempre più gente arriverebbe e questo non allevierebbe il peso per Italia e Grecia” e comunque l’ipotesi “non è stata discussa oggi”, ha proseguito Kurz.

Vienna però, che si prepara alle elezioni legislative del 15 ottobre, è già sul chivalà: il 4 luglio il ministro della Difesa Hans Peter Doskozil aveva annunciato, per essere smentito dopo una manciata di ore, l’invio di soldati e mezzi corazzati al Brennero. Ora è il suo collega all’Interno Wolfgang Sobotka a riaprire il capitolo minacce: “La concessione di visti umanitari dall’Italia a migranti è inaccettabile – ha spiegato il ministro, che ha annunciato che la settimana prossima incontrerà a Roma l’omologo italiano Marco Minniti – i visti umanitari sono una questione europea e di certo non italiana”. Il numero di migranti intercettati in Tirolo “attualmente è ancora stabile, ma la pressione aumenta e dobbiamo essere pronti”.

“Una situazione come quella del 2015 non deve ripetersi – ha fatto prontamente eco il  governatore tirolese Guenther Platter durante il sopralluogo al Brennero con Sobotka – per questo motivo saranno aumentati i controlli nell’hinterland del passo”. Attualmente 80-100 poliziotti austriaci sono impegnati nei controlli nell’hinterland del Brennero, ma non direttamente al confine. Questo numero – scrive il quotidiano Tiroler Tageszeitung – probabilmente sarà rinforzato con agenti provenienti da altre zone del Paese. La barriera, in caso di necessità, potrà comunque essere invece innalzata nel giro di 12-24 ore.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

‘In Iran pochi corsi di laurea consentiti alle donne’, su Maryam Mirzakhani Saviano sbaglia

prev
Articolo Successivo

Solo in Russia! L’automobilista riprende tre tipi strani su una moto, ma il passeggero del sidecar lo lascia senza parole

next