È necessaria una nuova legge che introduca il reato di propaganda fascista? In attesa del voto in parlamento sul Ddl Fiano, ne abbiamo parlato con i cittadini in strada. Pochi tra gli intervistati in realtà sono informati dell’iniziativa legislativa e mostrano interesse per la questione. “Ci sono problemi molto più seri e urgenti”, è il commento più diffuso. Tra coloro che entrano nel merito, molti dichiarano che la diffusione di messaggi o l’esibizione di simboli di stampo fascista “dev’essere tutelata dal diritto alla libertà di opinione“. “In fondo, contro razzismo, discriminazione e violenza in politica bastano le leggi già in vigore“, aggiungono altri. Ma si trovano anche voci favorevoli. “Basta impunità, non si tratta di folklore. La legge deve fissare un principio chiaro: il fascismo non è un’opinione ma un crimine”. “È giusto contrastare con severità e in ogni forma il pericoloso rigurgito neofascista, soprattutto sul web”.  E c’è chi ricorda Pier Paolo Pasolini e la sua lezione sul nuovo fascismo. “Il vero potere autoritario ormai non si presenta in camicia nera”. E voi che ne dite? Il Ddl Fiano va approvato o ritirato?  di Piero Ricca, riprese e montaggio Alessandro Sarcinelli

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Renzi: “Crescita Pil merito mio, aumento della povertà colpa di Monti”. La comoda lettura dei dati del 2016 del segretario Pd

next
Articolo Successivo

Pil in crescita, Padoan fa l’ottimista: “Siamo fuori da tunnel, giudizio positivo sull’economia”

next