“Se l’Unione Europea non vuole aiutarci, useremo i soldi del contributo all’Unione Europea per finanziare il rimpatrio dei migranti economici che abbiamo in Italia e per garantire una accoglienza dignitosa a chi scappa dai conflitti”. Così Luigi di Maio, vicepresidente della Camera dei Deputati, a Bruxelles, dopo l’audizione pubblica in commissione libertà civili del Parlamento Europeo di Fabrice Leggeri, direttore di Frontex. “Il problema dell’Europa è solo economico, non si interessa a salvare vite in mare. Ma una cosa è certa – ha detto ancora – l’Italia era d’accordo a far sbarcare tutti i migranti in Italia, Gentiloni venga a riferire in Parlamento. L’accordo è bilaterale, tra Italia e Frontex, e fu firmato da burocrati”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Pd, errori politici e di comunicazione. Renzi si processa e si assolve: “Enrico stai sereno? Non fu golpe”

prev
Articolo Successivo

Monza, polemiche per il nuovo assessore Arbizzoni vicino ai neonazi di Lealtà Azione

next