Un senzatetto è stato ustionato volontariamente con soda caustica. L’uomo, un italiano di 43 anni, ha riportato gravi ustioni al volto al collo e al busto. Il fatto è avvenuto verso le 15.40 in via Città del Fiume, a Milano, in zona Porta Venezia. Sul posto è intervenuto il 118 e la vittima dell’aggressione è stata trasportata all’ospedale Niguarda. I medici riferiscono che le sue condizioni sono “serie” ma “non è in pericolo di vita”.

Secondo quanto ricostruito finora, il clochard sarebbe stato colpito di proposito da un’altra persona che al momento non è stata individuata. Non sono ancora stati ricostruiti i motivi né l’autore del gesto. Sul caso indaga la polizia.

Oggi in Edicola - Ricevi ogni mattina alle 7.00 le notizie e gli approfondimenti del giorno. Solo per gli abbonati.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

MANI PULITE 25 ANNI DOPO

di Gianni Barbacetto ,Marco Travaglio ,Peter Gomez 12€ Acquista
Articolo Precedente

Migranti, la Francia rimanda in Italia anche i minori. Video: così la gendarmeria li respinge senza lasciare traccia

next
Articolo Successivo

Milano, bimba di un anno dimenticata in auto salvata da un passante. La madre: “Convinta di averla portata all’asilo”

next