“Io voglio essere trattato da persona normale, non da politico. Sono certamente un prigioniero politico“. Sono queste le parole di Marcello Dell’Utri intervistato nel carcere di Rebibbia da David Parenzo per la trasmissione In Onda su La7. L’ex senatore, condannato a sette anni per concorso esterno in associazione mafiosa, di Berlusconi dice: “E’ un fenomeno, ha sette spiriti come i gatti, non lo batte nessuno.Un’intesa tra Berlusconi e Renzi sarebbe auspicabile ma Paese non la capirebbe”.

In studio, ha subito replicato il ministro della Giustizia Andrea Orlando: “In uno Stato di diritto non esistono i prigionieri politici. Dell’Utri è stato processato con tutte le garanzie previste dalla Costituzione, non c’è un pregiudizio. Sono stati anche anticipati i tempi di pronuncia del tribunale per valutare se le condizioni di salute di Dell’Utri sono compatibili con la detenzione, cosa che si fa per tutti i detenuti”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Viareggio, pestarono a morte un 34enne nel 2014: condannati a 18 e 15 anni

prev
Articolo Successivo

Yara Gambirasio, processo d’appello a Bossetti – I giudici: “No ai video della difesa: non ci lasciamo suggestionare”

next