Una nave americana inviata verso l’isola del Tritone, mentre il presidente Donald Trump discute con Xi Jinping dei pericoli rappresentati dalla Corea del Nord. Attimi di tensione a Oriente dove il cacciatorpediniere americano Uss Stethem dispiegato nel mar cinese meridionale si è avvicinato alla piccola isola Triton contesa tra Cina, Taiwan e Vietnam. La rotta seguita da Uss Stethem è stata giustificata dal Pentagono come una normale esercitazione definita di “routine” e nel “diritto di passaggio innocente. Esercitazioni del genere sono spesso effettuare per mettere in evidenza come un Paese straniero non debba necessariamente preavvirtire del passaggio di sue imbarcazioni quando è in acque internazionali. Per Pechino resta tuttavia un gesto provocatorio, come sottolineato anche in questa circostanza dal portavoce del ministro cinese degli Esteri.

Anche il presidente Xi Jinping ha protestato per l’esercitazione del cacciatorpediniere americano e lo fatto dialogando direttamente con il numero uno della Casa Bianca, nel corso di una telefonata. Per Xi, le relazioni tra Pechino e Washington sono influenzate da alcuni “fattori negativi”. Nel corso del colloquio – come riporta l’agenzia ufficiale Xinhua – Xi ha auspicato che gli Stati Uniti gestiscano la “questione Taiwan” in maniera appropriata. Il richiamo del presidente cinese fa seguito all’approvazione da parte statunitense di una vendita di armi a Taiwan del valore di 1,4 miliardi di dollari. Durante la stessa telefonata Trump e Xi hanno parlato anche della minaccia crescente posta dal programma nucleare e balistico della Corea del Nord. Entrambi i leader hanno quindi ribadito il loro impegno nella denuclearizzazione della penisola coreana.

Il Fatto Internazionale - Le notizie internazionali dalle principali capitali e il dossier di Mediapart

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

TRUMP POWER

di Furio Colombo 12€ Acquista
Articolo Precedente

Usa, Trump contro Cnn nemica: in un video picchia e mette al tappeto logo dell’emittente

next
Articolo Successivo

Shawkan, da quattro anni in carcere in Egitto per il ‘reato’ di giornalismo

next