Una donna disoccupata si è data fuoco davanti agli uffici dell’Inps nel quartiere popolare di Barriera Milano, a Torino. La 46enne si è procurata ustioni sul 70% del corpo ed è stata trasportata all’ospedale San Giovanni Bosco, dove è stata intubata per essere poi trasferita al centro grandi ustionati del Cto. Gli immediati soccorsi prestati dai dipendenti, anche usando estintori, hanno evitato danni peggiori rispetto alle gravi ustioni riportate al volto, alle braccia e e al torace.

Stando alle prime ricostruzioni, si sarebbe cosparsa di alcol dandosi poi fuoco con un accendino e, scrive Repubblica, avrebbe urlato “mi hanno licenziata, sono esasperata, non ce la faccio più”. Secondo diversi testimoni, la 46enne ha sottolineato che, nonostante fosse senza lavoro da gennaio, non aveva ancora ottenuto l’indennità di disoccupazione (Naspi) e anche questa mattina, quando è arrivato il suo turno allo sportello, si sarebbe sentita rispondere che la pratica per la Naspi non era stata chiusa.

A quel punto, avrebbe tirato fuori il liquido infiammabile e l’accendino, dandosi fuoco. La ricostruzione è al vaglio della polizia, che sentirà la donna quando le sue condizioni miglioreranno e potrà parlare. “Si è data fuoco qui, in mezzo alle persone che aspettavano il loro turno agli sportelli. Aveva il volto avvolto dalle fiamme, è stato terribile”. Descrivono così i momenti di terrore vissuti poco dopo mezzogiorno i dipendenti dell’Inps dove la donna ha tentato di suicidarsi.

“È l’ennesimo indicatore delle condizioni reali del Paese, del dramma dell’assenza di lavoro, della disperazione di fasce sempre più larghe di popolo” ha commentato Stefano Fassina di Sinistra Italiana, puntando il dito contro “le responsabilità politica della sinistra”.

 

 

Oggi in Edicola - Ricevi ogni mattina alle 7.00 le notizie e gli approfondimenti del giorno. Solo per gli abbonati.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Strage di Ustica, familiari delle vittime: “Non esistono più documenti”. Mattarella: “Ferita sempre aperta”

next
Articolo Successivo

Ciro Esposito, per Daniele De Santis pena ridotta in appello da 26 a 16 anni

next