Circa 30 persone hanno occupato l’ex villa Ranieri in via Cagnazzi a Napoli, più precisamente nel quartiere Stella, a pochi metri dal ponte della sanità. Tra di loro ci sono famiglie, minori, disoccupati e studenti, tutti in emergenza abitativa. Come Costantino, ucraino, da due anni a Napoli. È un aiuto chef ma non può permettersi di pagare un fitto perché ” i soldi che guadagno devo usarli per dare un’istruzione alle mie tre figlie – dichiara- non posso permettermi di pagare una casa”. Nel gruppo anche un giovane artista omosessuale che oltre a vivere difficoltà economiche a causa della precarietà lavorativa è costretto ad andarsene di casa perché suo padre non accetta il suo orientamento sessuale. L’ edificio, abbandonato da cinque anni è un ex hotel di proprietà dell’ Istituto Pio Monte della Misericordia. Le condizioni della struttura sono fatiscenti, mancano acqua e corrente, oltre ai servizi igienici. “Mai più case senza gente, mai più gente senza case: liberata Villa Ranieri ” si legge su uno striscione posto all’ingresso dell’edificio dal collettivo “Magnammece ‘o pesone “. In serata gli occupanti hanno abbandonato la struttura: “Impossibile vivere a causa delle condizioni dei tubi”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: il tuo contributo è fondamentale

Il tuo sostegno ci aiuta a garantire la nostra indipendenza e ci permette di continuare a produrre un giornalismo online di qualità e aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per il nostro futuro.
Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Migranti, 2mila persone salvate al largo della Libia. 10mila da sabato. Minniti rientra da Washington

next
Articolo Successivo

Vaticano tra dimissioni, soldi e molestie: Papa Francesco alle prese con nuove grane

next