“Si respirava nell’aria un possibile cambiamento, il centrodestra ha vinto con promesse e paura – dicono due signore ai giardini di Sesto San Giovanni -. Manca l’onestà, i sestesi si erano stufati di questa sinistra” aggiungono due signori. E’ la Sesto del day-after, quella che dopo 72 anni si è risvegliata senza un governo di centrosinistra. A dare una spiegazione più razionale ci pensano gli operai della General Electric, simbolo della lotta operaia in una Sesto che di operai non ne ha più: “Prima c’erano centinaia di aziende e migliaia di dipendenti, ora sono rimaste tre fabbriche, la nostra occupata per mancanza di lavoro”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: il tuo contributo è fondamentale

Il tuo sostegno ci aiuta a garantire la nostra indipendenza e ci permette di continuare a produrre un giornalismo online di qualità e aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per il nostro futuro.
Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Salerno-Reggio Calabria, scontro in un tratto interessato da lavori: 4 morti, tra le vittime anche un bambino di 8 anni

next
Articolo Successivo

Pd Roma, il neo segretario in bilico dopo lo strappo Renzi-Franceschini. Sulla vittoria le ombre del Rapporto Barca

next