La polizia di Istanbul ha sparato gas lacrimogeni contro gli attivisti scesi in strada nel centro di Istanbul per il corteo del Gay Pride non autorizzato dalle autorità. Lo hanno fatto sapere su Twitter attivisti dei diritti Lgbt in Turchia, pubblicando fotografie di persone in fuga dai gas lacrimogeni. La polizia dispiegata nella zona ha tentato di impedire l’accesso alle persone che sospettava vi si recassero per prendere parte alla manifestazione. Sono almeno 22 le persone fermate. Gli attivisti si sono riuniti in vari punti del centro città sfidando il divieto alla marcia, annunciato ieri dall’ufficio del governo locale, ma sono stati bloccati dagli agenti di polizia. Secondo quanto riferito su Twitter, i fermati sono stati costretti ad ascoltare versi del Corano nelle auto della polizia.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Turchia, tensioni al Gay Pride: 22 arresti e proiettili di gomma contro i manifestanti. “Costretti ad ascoltare versi del Corano”

next
Articolo Successivo

Usa, Trump ci riprova: i Repubblicani al Senato puntano a cancellare l’Obamacare

next