“Sembrano tracce scelte da un dirigente di una multinazionale che vende prodotti tecnologici degli anni ‘6o”. Così l’insegnante e giornalista Alex Corlazzoli commenta i temi scelti dal Ministero dell’Istruzione per l’esame di maturità di quest’anno, che vede sui banchi oltre 500mila studenti. Una bocciatura con poche eccezioni quella di Corlazzoli. “Hanno scelto tracce che non entusiasmano i nostri ragazzi. Tracce deludenti e senza appeal sull’opinione pubblica. Basta pensare a Giorgio Caproni, chi lo conosce? Forse i livornesi, forse i genovesi. Gli studenti non se lo aspettavano”. Per quanto riguarda le tracce sul tema storico sul miracolo economico, osserva, “bisogna vedere se gli studenti arrivano a paralre di quegli anni. È un’altra di quelle tracce che darà da lavorare ai ragazzi. La traccia sui disastri e la ricostruzione invece è un omaggio ai ragazzi che hanno subito la tragedia del terremoto, sicuramente un dono del ministero a queste popolazioni. Ma quelli del sud o del nord che non hanno vissuto il sisma avranno poco da scrivere”. “Scontato e anacronistico“, invece, il tema in ambito tecnico-scientifico. “Un tema già uscito, che qualcuno ha fatto già negli anni ’60 e ’70. Molto ricorrente”. Si salva invece quello in ambito artistico-letterario, sulla natura tra minaccia e idillio. “Molto bello, un omaggio a chi ha la passione per l’arte e l’ambiente. Sono tanti gli spunti che si possono avere dall’arte e dai vari artisti”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: il tuo contributo è fondamentale

Il tuo sostegno ci aiuta a garantire la nostra indipendenza e ci permette di continuare a produrre un giornalismo online di qualità e aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per il nostro futuro.
Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Maturità 2017, “la sera leoni e la mattina Caproni”. Il web si scatena sulla scelta poco mainstrem del Ministero

next
Articolo Successivo

Maturità 2017, Giorgio Caproni per l’analisi del testo. Lagioia: “Poco conosciuto, ma è un grande del ‘900”

next