“Io non mi voglio candidare a nulla. Mi auguro che in tanti ci impegneremo senza candidarci. È vitale che ci sia una cerchia di cittadini attivi ma capaci di tenere alto il senso critico”. Lo ha detto in conclusione del suo intervento Tomaso Montanari dal palco del Teatro Brancaccio a Roma, dove insieme ad Anna Falcone ha dato appuntamento alle diverse anime della sinistra in quella che è stata definita “Alleanza popolare per la democrazia e l’uguaglianza. “Davide può rovesciare Golia, il 4 dicembre è successo. Vogliamo costruire forza radicalmente alternativa al Pd, che ormai è pezzo della destra. Una destra non sempre moderata, una destra con cui nessuna alleanza è possibile”

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Alleanza per la democrazia, Gotor (Mdp) contestato all’assemblea. Fischi e urla dalla platea: “Con queste persone noi al 2%”

next
Articolo Successivo

D’Alema: “Se mi candido? Domanda singolarmente cretina. Diritti civili unico punto di contatto con Renzi”

next