E’ stato fermato dalla polizia all’ingresso della St Stephen’s Gate, davanti alla sede del Parlamento, perché armato di  un coltello. La polizia ha immobilizzato l’uomo, 30 anni, con un taser nei pressi del palazzo di Westminster. Gli agenti non hanno dovuto aprire il fuoco. Per diversi minuti, il Parlamento britannico è rimasto in lockdown, cioè non era possibile entrare né uscire, a seguito dell’operazione della polizia.

Il Mirror riferisce che poco dopo le 11.10 ora locale, le 12.10 in Italia, la polizia armata è corsa verso il St Stephen’s Gate in risposta a urla provenienti dall’esterno e poco dopo le porte di Westminster sono state chiuse.  L’arresto, spiega la Bbc citando fonti della polizia, non è però legato al terrorismo.

Le prime immagini del fermo mostrano di spalle un uomo di colore, con la barba, pantaloni neri e felpa grigia, ammanettato dagli agenti di Scotland Yard in servizio fuori dal Parlamento.

Westminster era stato teatro di un attacco terroristico a marzo, mentre a fine aprile un 27enne ero stato arrestato nelle vicinanze con diversi coltelli in uno zaino, ma in quel caso Scotland Yard aveva parlato subito di terrorismo. L’area attorno al Parlamento è altamente sorvegliata dopo gli ultimi episodi, compreso l’attacco di London Bridge dello scorso 3 giugno.

In questi giorni, poi, l’attenzione è particolarmente alta perché proprio questa sera è in programma, a pochi passi da Westminster, una manifestazione di protesta contro il governo di Theresa May per l’incendio alla Grenfell Tower. Mentre mercoledì 21 è in calendario nell’aula della Camera dei Comuni il Queen’s Speech, il tradizionale discorso con cui la regina inaugura la nuova sessione parlamentare e legge il programma del governo.

 

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Siria, Mosca: “Forse abbiamo ucciso Al Baghdadi il 28 maggio. Colpito da un raid a Raqqa”

prev
Articolo Successivo

Incendio Londra, Farnesina: “La lista dei dispersi è ormai quella delle vittime”. Il sindaco Khan attacca il governo May

next