Rischio doppia imposizione per chi emigra e tralascia di iscriversi nell’Anagrafe Italiana Residenti Estero (Aire). A lanciare l’allarme è il parlamentare Pd Marco Fedi, eletto nella circoscrizione estero, ripartizione Africa, Asia, Oceania e Antartide. “Sono decine di migliaia i giovani italiani recatisi a lavorare all’estero e che, ignari della normativa sulla tassazione del reddito conseguito all’estero, rischiano di essere sottoposti a doppia imposizione fiscale senza poter tuttavia usufruire del credito di imposta”, spiega il parlamentare. “Tutto ciò solo per il fatto di non essersi iscritti all’Aire e di risultare quindi ancora residenti in Italia, per cui soggetti a tassazione (anche) in Italia sul reddito conseguito all’estero”, precisa. Secondo Fedi la questione è una vera e propria “bomba ad orologeria” che potrebbe “colpire duramente le ‘tasche’ delle nuove generazioni di emigrati”. Per questo è necessario che il governo intervenga rapidamente eliminando distorsioni.

Intanto però, meglio far chiarezza sugli effetti derivanti dall’iscrizione all’Aire. Innanzitutto il cittadino italiano che risieda stabilmente all’estero per un periodo superiore a un anno è obbligato a iscriversi all’anagrafe degli italiani all’estero. In questo modo, il suo nome viene cancellato dal comune di ultima residenza e inserito nella lista speciale di coloro che vivono stabilmente fuori dal Paese. Questo passaggio ha diverse conseguenze. Gli iscritti Aire possono ad esempio votare all’estero nelle tornate elettorali nazionali ed europee, ma non hanno più diritto all’assistenza sanitaria in Italia e perdono il medico di base. Inoltre, sotto il profilo fiscale, l’iscrizione all’Aire consente all’italiano all’estero di pagare le tasse direttamente nel Paese ospite.

Senza iscrizione invece, si rischia di pagare un conto salato. Innanzitutto bisognerà ricordarsi di presentare ogni anno una dichiarazione dei redditi anche in Italia. Sarà necessario quindi pagare l’eventuale differenza fra le imposte versate nel Paese di emigrazione e l’Italia. Ma si potrà beneficiare del credito d’imposta detraendo le tasse pagate fuori dai confini nazionali ed evitando così la doppia tassazione.

Tuttavia, in assenza del deposito della dichiarazione dei redditi, l’italiano all’estero perde automaticamente il beneficio del credito d’imposta. Scatta così inesorabilmente la doppia tassazione. Sulla base dell’articolo 165 del Testo Unico Imposte sui Redditi, “coloro i quali lavorano all’estero, non iscritti all’Aire, risultano residenti in Italia. Devono quindi pagare le imposte sul reddito in Italia – conclude l’onorevole Fedi – E se non hanno fatto annualmente la dichiarazione dei redditi in Italia, non hanno diritto al credito di imposta. Saranno quindi tenuti a pagare le tasse sul reddito sia nel Paese di lavoro che in quello di residenza”.

Non si tratta di un problema di poco conto, ma la soluzione non è dietro l’angolo e trovarla spetta al Parlamento. Per ora una toppa ce la mette la manovrina con un emendamento che stabilisce l’accesso al credito d’imposta per chi aderisce alla voluntary disclosure. Ma si tratta chiaramente di un provvedimento a termine con una finestra che si chiuderà a fine luglio. Per Fedi, invece, è necessario trovare una soluzione strutturale al problema. Intanto nelle more, chi emigra, meglio si iscriva all’Aire.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Alitalia, piloti in fuga direzione Cina e Norvegia. La compagnia commissariata taglia i riposi per non ridurre i voli

prev
Articolo Successivo

Venezia, 16 arresti tra imprenditori, dirigenti pubblici e ufficiali Gdf: regali in cambio di sconti sulle sanzioni fiscali

next