Tra i 336 e i 655 euro in più. E’ la cifra che a luglio riceveranno 3,57 milioni di pensionati italiani a titolo di quattordicesima mensilità. La platea, come emerge dai dati Inps diffusi giovedì, risulta allargata di 1,4 milioni di persone rispetto a quella del 2016 perché la legge di Bilancio 2017 ha previsto che abbia diritto al “bonus” anche chi riceve un assegno compreso tra 1,5 e 2 volte il trattamento minimo, che è di 501,8 euro. E ha aumentato l’importo per i beneficiari di pensioni uguali o inferiori a 1,5 volte il minimo. Il totale dei beneficiari sale così da 2,12 a 3,57 milioni di italiani. L’ampliamento della platea farà aumentare l’esborso per lo Stato da 854 milioni a 1,72 miliardi.

La “nuova” quattordicesima è corrisposta ai pensionati con almeno 64 anni e con un reddito complessivo individuale fino a un massimo di due volte il trattamento minimo annuo. Non occorre chiederla: l’accredito sarà automatico. Ne hanno diritto anche i titolari di pensioni di reversibilità, che ricevono però solo il 60% di quanto sarebbe andato al coniuge defunto. Non spetta a chi riceve trattamenti di carattere assistenziale come l’assegno sociale Inps (ex pensione sociale), la pensione di invalidità civile, quella di vecchiaia a favore delle casalinghe. Né ai titolari di pensioni erogate da enti privati come Enasarco, Inpgi e le altre casse previdenziali dei professionisti.

Rientrano in questi parametri circa 3,4 milioni di pensionati privati e 125mila pubblici, oltre ai 6mila del settore sport e spettacolo. Di questi, spiega la tabella Inps, circa 2 milioni di ex lavoratori privati e pubblici denunciano una pensione poco sopra i 9mila euro annui (1,5 il trattamento minimo) e in 1,45 milioni, invece, percepiscono un assegno di circa 13mila euro (tra 1,5-2 volte il trattamento minimo). La spesa maggiore è per i pensionati privati con una pensione non superiore ai 9mila euro annui che complessivamente assorbono circa 1,6 miliardi di euro.

I pensionati che hanno redditi fino a 1,5 volte il trattamento minimo, pari a 9.786,86 euro annui e che usufruivano già della quattordicesima hanno diritto a 437 euro se da dipendenti hanno versato fino a 15 anni di contributi, 546 euro tra i 15 e i 25 anni di contributi e 655 euro oltre 25 anni di contributi per il lavoro dipendente e 28 per quello autonomo. Chi ha un reddito compreso tra 9.786,86 a 13.049,15 euro riceverà 336 euro fino a 15 anni di contributi, 420 euro tra 15 e 25 anni, 504 euro con contributi oltre 25 anni. Queste cifre valgono per i pensionati da lavoro dipendente, mentre per i lavoratori autonomi vanno aggiunti tre anni in più di contributi.

Mentre chi ha già la pensione attende la quattordicesima, a tre settimane dalla firma del premier Paolo Gentiloni non c’è ancora traccia dei decreti sull’ape social e sulla pensione anticipata dei lavoratori precoci. I testi, hanno denunciato i sindacati, non sono ancora in Gazzetta ufficiale e questo ritardo riduce all’osso i tempi per presentare la domanda, considerato che occorre farlo entro il 15 luglio. Marco Leonardi, consigliere di Palazzo Chigi, due giorni fa aveva detto che sarebbero stati pubblicati “entro 2-3 giorni, al massimo tra giovedì e venerdì”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Tariffe cellulari: dal 15 giugno stop al roaming in Ue per chiamate, sms e dati

next
Articolo Successivo

Vittime del Salva Banche, ecco il decreto sull’arbitrato che non sana tutte le ferite dei risparmiatori

next