Voler dormire e non riuscirci. A chi si chiede da cosa dipende l’impossibilità di riposare una possibile risposta arriva dai ricercatori del California Institute of Technology, guidati da Viviana Gradinaru che hanno trovato nel cervello il circuito dell’insonnia. Si tratta di un gruppo di neuroni finora poco studiati e averlo individuato potrebbe aprire la strada a future terapie contro i disturbi del sonno, tra cui anche quelli associati alla malattie neuropsichiatriche, come depressione e schizofrenia. Lo studio è stato pubblicato su Neuron.

L’obiettivo dello studio era capire come si fa a superare il naturale bisogno di dormire, quando non lo si può fare. Così i ricercatori hanno iniziato a studiare l’area del cervello in cui si trova un gruppo dei neuroni della dopamina, detti neuroni dorsali del rafe. “Le persone che hanno danneggiata questa parte del cervello si mostrano eccessivamente sonnolente di giorno. Ma finora non si era capito bene il ruolo esatto di questi neuroni nel ciclo del sonno e della veglia, e se reagivano a stimoli interni o esterni“, precisa la ricercatrice. Con il suo gruppo ha iniziato a studiarli nei topi, misurandone l’attività in risposta ad alcuni stimoli, come per l’arrivo di un possibile partner con cui accoppiarsi, del cibo o una sensazione spiacevole improvvisa.

“Quando abbiamo misurato l’attività di questi neuroni nel ciclo di sonno e veglia, abbiamo visto che calava se l’animale dormiva, e aumentava mentre era sveglio”, aggiunge Ryan Cho, primo autore dello studio. “Volevamo capire scoprire se l’attività di questi neuroni provoca dei cambiamenti negli stati di sonno e veglia”, continua. Così hanno stimolato i neuroni con la luce mentre l’animale dormiva, e visto che si svegliava rimanendo sveglio. L’opposto accadeva quando l’attività dei neuroni veniva spenta: l’animale si addormentava, anche se stimolato dall’odore di un partner o un predatore. Il che ha dimostrato quanto questi neuroni siano importanti per sonno e nella veglia. “Neuroni simili ci sono anche nell’uomo e la loro degenerazione è stata collegata alla sonnolenza eccessiva diurna nei pazienti con malattie neurodegenerative”, conclude Gradinaru.

Lo studio su Neuron

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Homo Sapiens, scoperti fossili più antichi: ha 100mila anni in più di quello che si ipotizzava

next
Articolo Successivo

Sonda Rosetta svela un “regalo” delle comete alla nostra Terra bambina

next