Misure più severe per la concessione dei visti. Gli Stati Uniti hanno previsto nuove direttive che introducono controlli più rigorosi per il rilascio dei documenti necessari per l’ingresso nel Paese. La novità consiste sostanzialmente nella richiesta di maggiori informazioni personali, più approfondite e relative ad un lasso di tempo più ampio, oltre ad informazioni circa la gestione di social media.

Il provvedimento è stato approvato dal governo federale il 23 maggio e ruota in particolare attorno alla introduzione di un nuovo questionario per chi fa domanda per visti in America da tutto il mondo e che tra l’altro richiede maggiori informazioni sulla gestione dei social media degli ultimi 5 anni, informazioni biografiche risalenti agli ultimi 15 anni tra cui e-mail, numeri di telefono, indirizzi, lavori precedenti e attuali, dati sui viaggi effettuati.

Secondo la nuova normativa, i funzionari consolari potranno d’ora in poi richiedere anche tutti i numeri dei precedenti passaporti di chi fa richiesta del visto. Non tutti i richiedenti, tuttavia, verranno necessariamente sottoposti alle verifiche più approfondite, che saranno un passo che il personale consolare potrà applicare là dove ritenga necessario un approfondimento.

Il Dipartimento di Stato, invece, ha spiegato che i funzionari chiederanno ulteriori informazioni nei casi in cui queste siano “necessarie per confermare l’identità del soggetto o condurre un rigoroso controllo sulla sicurezza nazionale”. Inoltre, rispondere al questionario resta un atto volontario, ma in caso di rifiuto si rischia un rallentamento della procedura. Per i critici queste disposizioni sono eccessivamente gravose e porteranno a lunghi ritardi nell’elaborazione dei permessi, oltre a scoraggiare studenti e scienziati stranieri a recarsi negli Stati Uniti.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

TRUMP POWER

di Furio Colombo 12€ Acquista
Articolo Precedente

Summit Ue-Cina, Tusk: ‘Errore storico degli Usa sul clima, noi proseguiamo insieme’. Ma resta il nodo del commercio

next
Articolo Successivo

Orgoglio italiano, il 2 giugno in Texas si celebra la Giornata dell’italianità

next