Gay Pride a Reggio Emilia? Organizzeremo una processione pubblica in mattinata: è una preghiera, un rosario per riparare allo scandalo dei carri che gireranno, con uomini seminudi, se non totalmente nudi, e ornati da piume di pavone”. Sono le parole pronunciate a La Zanzara (Radio24) da Gabriele Colosimo, esponente del comitato cattolico “Beata Giovanna Scopelli” e uno degli organizzatori della manifestazione religiosa contro il Gay Pride che si terrà il 3 giugno a Reggio Emilia. “Noi non abbiamo problemi con gli omosessuali, ma con le azioni scandalose” – precisa il trentenne – “Se facessero l’Etero Pride con donne con la patata di fuori, sarebbe ugualmente uno scandalo. Poi, se qualcuno è gay, se la vedrà lui con Dio. L’omosessualità è un vizio come la droga e l’alcol, e, come tale, andrebbe corretto. Molti sono guariti. Vi ricordate la canzone “Luca era gay” di Povia?”. “Certo, una puttanata”, risponde Giuseppe Cruciani. “Questo è un suo parere” – replica Colosimo – “L’omosessualità si cura con la castità e la preghiera. E’ il rapporto sodomitico che non va bene. Avere tendenze omosessuali non è un problema. Ma il sesso tra gay è un vizio e basta, perché la famiglia è fatta da un uomo e da una donna. Cosa c’entra la famiglia con il sesso? Ma voi dove vivete? Per me drogarsi e avere rapporti omosessuali sono vizi, per voi progressisti persino la pedofilia e l’incesto non lo sono. L’Organizzazione Mondiale della Sanità, infatti, ha depenalizzato la pedofilia. Gay pedofili? Ci sono studi per cui le due cose sono correlate

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Cannabis, il radicale Cappato: “Distribuisco semi sul mio sito ad almeno 3 euro. Coltiva e fuma la tua”

prev
Articolo Successivo

Legge Minniti-Orlando ovvero una spietata compressione dei diritti umani

next