Dopo Nicki, è il turno di Ricky: dopo Vendola, il multimilionario Ricky Martin ha trionfalmente dichiarato a reti unificate che grazie all’utero in affitto potrà presto comprare… pardon, avere una bambina. Sì, perché il bello di queste pratiche eugenetiche sta anche in questo: puoi decidere il sesso dei nascituri, assemblarli secondo il tuo gusto. Non sono più bambini, ma merci on demand. Che il consumatore può programmare secondo il suo capriccio: il cliente, ce lo dicono a piè sospinto, ha sempre ragione.

I nuovi e gaudenti membri dell’upper class senza confini e senza coscienza infelice residua possono tutto: stanno abbattendo ogni limite e ogni autorità. Perché, infatti, la forma merce non conosce né limite né autorità: deve poter scorrere senza limitazioni fisiche, morali e religiose, con moto onnidirezionale, nello spazio globale del mercato unificato e completamente deregolamentato.

E guai a chi osi contrastare questo nuovo ordine mondiale, tutto a beneficio dei dominanti. Mentre le plebi variopinte (gli “sdentati” di cui disse con sovrano disprezzo Hollande) non hanno accesso ai beni basici e ai servizi più elementari, precarizzate come sono nel lavoro e negli stili di vita, la global class postmoderna, postborghese e ultracapitalista impone ovunque il suo dominio autocratico.

Le sinistre, anziché difendere plebi e sconfitti della mondializzazione, fanno lo stesso delle destre: tutelano unicamente il dominio dei dominanti. E promuovono l’utero in affitto come pratica emancipativa, demonizzando come premoderno e fascista chiunque osi contestarlo. L’opera di postmodernizzazione delle coscienze può dirsi giunta a compimento.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Marcia migranti Milano, “100mila al corteo”. Renzi è in città, ma non partecipa. Sala: “Chissà se mi farà i complimenti”

next
Articolo Successivo

Egitto, ennesimo difensore dei diritti umani di fronte al giudice

next