Scende la notte sul cuore. Grave turbamento psichico.

Non riesco a prendere sonno. L’inconscio non vuole manifestarsi. Mi lascia alla deriva nell’abisso della realtà. Mi giro e rigiro nel letto cercando di afferrare la forma fuggevole di un ricordo. Grave turbamento psichico.

Sento un rumore, un rumore come di vetro infranto. Sul comodino ho una pistola, non si sa mai, di questi tempi ne accadono di tutti i colori, anche se adesso sono immerso nella notte dove tutte le vacche sono nere. Prendo la pistola e scendo le scale lentamente. Vedo un’ombra. Grave turbamento psichico.

Un’ombra in casa mia? Se fosse un’ombra femminile sarebbe fantastico, ma ho il sospetto che si tratti di un’ombra con i testicoli. Che cosa vogliono le ombre da me? Che cosa vogliono le ombre? Non siamo forse tutti ombre che seppelliscono ombre? L’ombra mi sta rubando l’argenteria. Le ombre sono attratte dall’argento. Grave turbamento psichico.

Faccio fuoco. Sparo. L’ombra cade a terra sul tappeto cinese, ora è un’ombra cinese. Mi avvicino all’ombra, la sento gemere. Esce del sangue. Anche le ombre sanguinano. Sangue rosso come un cielo infuocato. L’ombra ha un volto. Mi fissa. Mi assomiglia, riconosco il mio volto. Epifania di me stesso. Grave turbamento psichico.

Gravissimo. Legittima difesa. Quanta verità può sopportare un uomo? Non certo il proprio volto, questo no. Il sangue è secco ormai.

La vita è un cul-de-sac. La vita è tenebra, nonostante tutte le stelle dell’universo, possiamo pagare la bolletta della luce ma non quella del buio, siamo fottuti, altro che legittima difesa.

Un poeta ha scritto: “Sono fottuto? Me ne fotto!”. Bene, anche io me ne fotto e vi lascio con un video tutorial sulla pasta in bianco. Una pasta in bianco nelle tenebre.

Che c'è di Bello - Una guida sulle esperienze più interessanti, i trend da seguire e gli eventi da non perdere.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

G7 di Taormina, al summit per miliardari non sono ammesse le (nuove) plebi

next
Articolo Successivo

“I robot distruggeranno il lavoro, quindi serve il reddito minimo garantito. Siate creativi o una macchina vi sostituirà”

next