“Il pm Carmelo Zuccaro? E’ una delle persone più serie che ci siano in magistratura. E’ una persona serissima, perbene e, oserei dire, un gentiluomo, che è un termine che uso due o tre volte in un anno”. Così, a Mix24 (Radio24), il procuratore di Catanzaro, Nicola Gratteri, si esprime sulla figura del procuratore di Catania, Carmelo Zuccaro, oggi impegnato in audizione davanti alla Commissione Difesa del Senato. Riguardo alle indagini sulle Ong che operano nel Mediterraneo, il magistrato dichiara: “Sul rischio di collusioni tra Ong e trafficanti non mi pronuncio, perché in genere sono abituato a parlare con le prove in tasca. Io, però, conosco il procuratore Zuccaro. Se lui ha detto determinate cose, probabilmente ha delle informazioni certe dei Servizi, come intercettazioni preventive che vengono utilizzate per la cattura dei latitanti. Però queste intercettazioni sul piano probatorio e processuale non possono essere spese in dibattimento”. E aggiunge: “Quindi, Zuccaro dice: ‘So, ma non lo posso dimostrare’. E intende sul piano probatorio. Io immagino questo, altrimenti andare a inventarsi di sana pianta una cosa del genere non è da lui, non è da procuratore Zuccaro, non è da uomo che conosco io. Il ministro Alfano? È stato ministro degli Interni, di questo caso poteva parlare prima

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Napoli, due finanzieri accusati di aver chiesto tangenti per far superare concorso: condannati e licenziati

prev
Articolo Successivo

Migranti, Zuccaro: “Nelle ong non sono tutti filantropi. Bisogna capire fonti di finanziamento di quelle più recenti”

next