“Il pm Carmelo Zuccaro? E’ una delle persone più serie che ci siano in magistratura. E’ una persona serissima, perbene e, oserei dire, un gentiluomo, che è un termine che uso due o tre volte in un anno”. Così, a Mix24 (Radio24), il procuratore di Catanzaro, Nicola Gratteri, si esprime sulla figura del procuratore di Catania, Carmelo Zuccaro, oggi impegnato in audizione davanti alla Commissione Difesa del Senato. Riguardo alle indagini sulle Ong che operano nel Mediterraneo, il magistrato dichiara: “Sul rischio di collusioni tra Ong e trafficanti non mi pronuncio, perché in genere sono abituato a parlare con le prove in tasca. Io, però, conosco il procuratore Zuccaro. Se lui ha detto determinate cose, probabilmente ha delle informazioni certe dei Servizi, come intercettazioni preventive che vengono utilizzate per la cattura dei latitanti. Però queste intercettazioni sul piano probatorio e processuale non possono essere spese in dibattimento”. E aggiunge: “Quindi, Zuccaro dice: ‘So, ma non lo posso dimostrare’. E intende sul piano probatorio. Io immagino questo, altrimenti andare a inventarsi di sana pianta una cosa del genere non è da lui, non è da procuratore Zuccaro, non è da uomo che conosco io. Il ministro Alfano? È stato ministro degli Interni, di questo caso poteva parlare prima

Sostieni ilfattoquotidiano.it: se credi nelle nostre battaglie, combatti con noi!

Sostenere ilfattoquotidiano.it vuol dire due cose: permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, gratuito per tutti. Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte per portare avanti insieme le battaglie in cui crediamo con idee, testimonianze e partecipazione. Il tuo contributo è fondamentale. Sostieni ora

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Napoli, due finanzieri accusati di aver chiesto tangenti per far superare concorso: condannati e licenziati

next
Articolo Successivo

Migranti, Zuccaro: “Nelle ong non sono tutti filantropi. Bisogna capire fonti di finanziamento di quelle più recenti”

next