Bagarre a L’Aria che Tira (La7) sul niet alla manifestazione fascista, inizialmente prevista nella giornata del 25 aprile al Campo X del Cimitero Maggiore di Milano, dove sono sepolti i caduti della Repubblica di Salò. Protagonista unica Daniela Santanchè, deputata di Forza Italia, che commenta: “Bisogna avere rispetto per tutti i morti da una parte e dall’altra. Credo che la storia sul 25 aprile non è stata ancora scritta nella maniera forse più chiara e più trasparente. C’è sempre stato un approccio ideologico, cosa che non mi piace. Siamo in un Paese in cui hanno diritti anche coloro che non dovrebbero averli”. Insorge il deputato Pd, Stefano Esposito, che chiede reiteratamente alla parlamentare a chi si riferisca. E Santanchè risponde: “Ci sono tante persone che vengono nel nostro Paese e hanno diritti, come sussidi, mantenimento e soldi”. Esplode la polemica in studio e la parlamentare si giustifica: “Ma chi difende il regime? Vi pare che io possa difendere le leggi razziali?”. La conduttrice Myrta Merlino dà la linea alla pubblicità per sedare gli animi. E successivamente chiede agli ospiti in studio un pensiero dedicato al 25 aprile. “Mi piacerebbe sentire la canzone di De Gregori, “Il cuoco di Salò””

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Lega, Simona Izzo vs Santanchè (Fi): “Salvini? Non me lo nomini, mi sento male anche fisicamente”

prev
Articolo Successivo

Luca e Paolo: “In Francia fanno cose strane: le elezioni. Bambini non preoccupatevi, in Italia non le vuole nessuno”

next