Qualcuno lo azzecca: “Si chiama Yonghong Li”. Ma per i più il nome del nuovo presidente cinese del Milan è una successione misteriosa di vocali e consonanti. Tipo “yongyang” o “Li Uayang”. Ecco i tentativi di alcuni dei tifosi che hanno aspettato fuori Casa Milan che arrivassero notizie dalla prima conferenza stampa del dopo Berlusconi. Fiducia nel futuro? “Spero che ci rivendano a qualcuno veramente con i soldi”, risponde uno di loro. Un po’ più di fiducia da chi dice: “Se investono così tanti soldi, qualcosa dovranno fare”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Milan cinese, Yonghong Li: “Grazie Berlusconi”

next
Articolo Successivo

L’inno della Juve nel tempio del Toro. Le prove audio del ‘nuovo’ Filadelfia diventano un caso

next