“Con la Buona Scuola di Renzi è stata sovvertita la meritocrazia: ci sono docenti che hanno accettato di essere ammessi in ruolo in qualunque parte d’Italia, e le graduatorie non sono state rispettate”. Sono le parole di una delle insegnanti che oggi hanno manifestato davanti al Mef. Tra le richieste dei docenti che si sono radunati davanti alle porte del Ministero dell’Economia, quella della trasformazione di 25 mila cattedre in posti fissi con conseguente assunzione dei precari. “Lo Stato non può cambiare le regole del gioco”, ha detto un’altra delle docenti presenti in via XX Settembre.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: il tuo contributo è fondamentale

Il tuo sostegno ci aiuta a garantire la nostra indipendenza e ci permette di continuare a produrre un giornalismo online di qualità e aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per il nostro futuro.
Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Mobilità, firmato il contratto Miur-sindacati: ecco come cambiano chiamata diretta e trasferimenti

next
Articolo Successivo

Scuola, la tassa occulta dei contributi “volontari” che diventano obbligatori. Ministero li vieta, presidi li impongono

next