“Una strategia alternativa” per la malattia di Parkinson. Speciali cellule cerebrali, riprogrammate grazie a un cocktail di sostanze, potrebbero celare la soluzione per trattare e forse invertire la patologia. A descrivere una nuova e promettente terapia cellulare contro questa malattia degenerativa è uno studio pubblicato su Nature Biotechnology.

Secondo il team di Ernest Arenas del Karolinska Institutet di Stoccolma, le cellule del cervello umano possono essere forzate ad addossarsi il lavoro di quelle distrutte nel Parkinson. I test condotti nei topi con sintomi simili al Parkinson hanno mostrato che la terapia allevia questa patologia. Certo, avvertono gli studiosi, sono necessari numerosi studi prima di poter passare ai test sull’uomo. Ma secondo i ricercatori lo studio è estremamente promettente, anche se in una fase molto precoce.

Gli scienziati hanno creato cellule simili ai neuroni che producono dopamina, trattando alcune cellule cerebrali non neuronali con una specifica combinazione di molecole. I ricercatori devono ancora verificare se il trattamento è sicuro, e se le cellule ‘convertite’, che all’inizio erano astrociti, possono davvero funzionare come i neuroni che producono dopamina persi nel Parkinson. Gli studiosi hanno usato un cocktail di piccole molecole per produrre in laboratorio le cellule simil-neuroni dopaminergici. Successivamente, hanno dato lo stesso cocktail a topi malati. Il trattamento sembra funzionare, riprogrammando le cellule cerebrali degli animali e riducendo i sintomi della malattia.

L’articolo su Nature

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Fibrosi cistica, scoperta molecola capace di ricostruire sistema immunitari e ridurre processi infiammatori

prev
Articolo Successivo

Cancro, Oms: “Tumori infantili +13% rispetto agli anni ‘80”. Tra ragioni diagnosi più precoci e predisposizione

next